lunedì 7 aprile 2008

Parmi les Oiseaux Sauvages

E invece no.
La dimora sta lì.
Le ali ci sono.
Se voglio posso essere diverso.
Se vogliamo possiamo essere diversi.
Tutti. Nessuno escluso.
Certe ferite non potranno rimarginarsi facilmente, ma lo faranno, prima o poi.
Non posso cancellare nulla.
Tutto ciò che si è detto.
Ovviamente anche ciò che si è fatto.
Ma il tempo dimostrerà che non mi sbagliavo.
Possiamo essere diversi.

3 commenti:

PetiteKiki ha detto...

On s'est connu
En bas des marches
Du palais
Tout en bas de l'escalier de glace
Tes pieds dansaient
nus sur la neige
Et tu chantais cet air plein de malice et de grâce..

Brividi. Sì che possiamo cambiare, senza dimenticare. Cambiare pelle tenendo ancora addosso il ricordo di quella vecchia. Questa canzone.. un regalo che io feci a te, inconsapevolmente. ora sei tu a farlo a me. Consapevolmente?

T'abbraccio.

Anonimo ha detto...

Un ingenu,nous attendait,et nous a mariés parmi les oiseaux sauvages..

Demian ha detto...

@petite kiki: Anche per me, inconsapevolmente. Ma è ancor più bello se i regali arrivano a sorpresa, no?

@anonimo: car ici desormais est la demeure d'un ciel...