martedì 29 aprile 2008

Orfeo 2

Orfeo e Euridice, eterni amanti.
Non avrebbero mai immaginato che qualcosa avrebbe potuto farli allontanare.
Euridice non aveva molta autonomia, allora. Aveva bisogno di qualcuno che guidasse i suoi passi.
Un giorno si ritrovò a correre nei prati, nessuno vicino. Non era in grado di prevedere le conseguenze, e anche la fortuna le voltava le spalle. Non c'era nessuno. Se non un serpente, che la morse.

Orfeo non poteva immaginare di essere rimasto solo sulla terra.
Amava così tanto Euridice, che si sentiva perso, nemmeno la sua musica lo aiutava come prima faceva. Cantò così amaramente, da destare tutte le ninfe e gli dei, che gli consigliarono di provare a scendere negli Inferi, per strappare dal buio Euridice.
Prese il coraggio, che troppe volte aveva nascosto dietro la sua lira, e cominciò a scendere, suonando. Si trovò di fronte a Cerbero, e cantando lo addormentò, superò a nuoto i fiumi infernali, e pianse, osservando i dolori delle anime che vagavano per gli spazi tetri degli Inferi.
Finalmente arrivò al cospetto di Ade, e della sua consorte. Cantò le sue canzoni più belle (ce n'era una che diceva: "non smettere di ridere...è il modo per raggiungermi..."), con la sua bella voce, accompagnandosi con la sua lira argentata, e la bella Persefone, commossa dal suo bel canto, convinse Ade a concedergli un tentativo: Orfeo avrebbe potuto riportare Euridice alla vita, a patto che durante la risalita non si fosse mai girato per controllare che lo seguisse.
Euridice arrivò, e gli prese la mano. Lui non la guardò.
Cominciarono a salire, Orfeo stanco e impaurito, Euridice non capiva cosa stava succedendo, non sapeva del patto fra il suo amato e Ade. Ogni tanto urlava contro Orfeo, credendo di averlo perso. Perché mai non si girava? Lo insultava, cercava di lasciare la mano.
Orfeo continuava imperterrito la risalita, sempre più stanco.
Ad un tratto una luce. Un piccolo spiraglio di luce.
Stavano per uscire.
Euridice continuava a voler lasciar andare Orfeo.
Orfeo era sempre più stanco.

Nessun commento: